Il piede e il balletto classico: dolore ai piedi e infortuni più comuni nella danza

Il balletto può causare dolore ai piedi e agli arti inferiori per i ballerini.

Il balletto può causare dolore ai piedi e agli arti inferiori per i ballerini. Ciò si verifica principalmente nei ballerini che praticano la tecnica sulle punte nella danza classica. Se non trattato, il dolore, può portare a lesioni e persino danni al piede a lungo termine.

La tecnica sulle punte prevede che il ballerino abbia i piedi completamente estesi, e che questi sostengano il peso corporeo mentre si muovono. Questa è una tecnica di danza classica che può essere la forma di danza più compromettente per i piedi. Ciò è dovuto all’impatto che ha sui piedi e sul corpo.

Le punte di queste scarpe sono realizzate con strati di tessuto densamente imballati, insieme a cartone o carta indurita. Questo rende le scarpe abbastanza robuste da sostenere il peso corporeo di un ballerino. Le altre parti della scarpa sono realizzate in raso, pelle e cotone. Ogni paio di scarpe da punta è personalizzato per i piedi del ballerino.

I ballerini in genere ballano per un certo numero di anni prima di passare alle scarpe da punta. A quel punto, hanno rafforzato e sviluppato gambe, piedi e caviglie, nonché il loro equilibrio e l’allineamento del corpo. Per la maggior parte delle ragazze, il passaggio alle scarpe da punta di solito avviene tra gli 11 e i 13 anni. Mentre per i maschi di solito non ballano sulle punte. Fanno più sollevamento e salti. Questo può anche portare a problemi ai piedi come tendinite di Achille, o distorsioni.

Le lesioni da ballo più comuni includono:

  • Vesciche e calli. Questi sono comuni quando si balla con scarpe da punta che non sono ancora state rodate o dal movimento e dall’attrito tra le dita dei piedi.
  • Unghie incarnite. Un’altra lesione da ballo comune, si verifica quando l’angolo o il bordo dell’unghia cresce nella pelle circostante.
  • Unghie nere o rotte. Questo di solito è il risultato di impatti ripetuti, vesciche o uso eccessivo.
  • Distorsioni di caviglia. Per la posizione prolungata del piede sulle punte.
  • Borsiti dell’alluce. Dovute allo sfregamento continuo tra l’articolazione Metatarso-falangea del 1° dito e la scarpetta
  • Fratture da stress.
  • Neuroma di Morton .
  • Tendinite Achillea.